Nous sommes tous CHARLIE

Charlie_Hebdo_080115300Lettre de Charlie Hebdo à M. Mohammed Moussaoui, Président du C.F.C.M (Conseil Français du Culte Musulman). Pour une fois, de la part de Charlie-Hebdo…

Monsieur Moussaoui, La Publication du Numéro de “Charlie Hebdo” représentant Mahomet vient de donner lieu une fois encore à des Représailles lamentables de la part d’individus décidément bien peu éclairés que, au titre de Président du C.F.C.M, vous avez le Devoir de canaliser. Dans “Le Monde” paru ce Mercredi vous affirmez ne pas voir de lien entre les Élections en Tunisie et en Libye et l’Outrage caricatural nous rappelant tant bien que mal ce qu’est la Charia, ou tout au moins sa partie la plus spectaculaire pour le Citoyen Français de base peu au fait de ce qui se passe sur son Sol.

Je vous tiens pour quelqu’un d’intelligent et de cultivé, Vous devez donc savoir qu’en France la Caricature est une Tradition très ancienne et un Art très prisé, qu’aucun Sujet n’y échappe et surtout pas un Sujet d’Actualité, et l’Instauration de la Charia sur un Sol resté longtemps Laïque est un Sujet suffisamment grave et inquiétant pour ne pas faillir à la Règle. La Charia, l’Islam, n’ont pas à faire exception à cette Règle. La Charia est un Système Archaïque fondé il y a 14 Siècles, profondément odieux, sexiste, rétrograde, discriminant et antidémocratique. Dénoncer ce Système par la Caricature est un Procédé visant à en montrer toute l’Abjection.

Condamner la Charia, Monsieur, est un Acte de Salubrité Publique nécessaire à la Démocratie dont vous profitez puisque c’est en France que vous vivez en toute Liberté. Jouiriez-vous de la même Liberté au Maroc ? J’en doute fort, sinon comment expliquer la Présence aussi énorme de Marocains abandonnant le Maroc pour la France ?

C’est bien que l’air y est plus doux et plus libre ici. Cette Charia, prônée par Le Coran et faisant Partie intégrante de l’Islam (le Coran est la Base de l’Islam, l’Islamisme n’en étant que son Expression la plus spectaculairement virulente), il est hautement souhaitable de s’en inquiéter, d’autant qu’une bonne partie de ceux qui ont permis ce Désastre antidémocratique vivent sur notre Sol et que des Élus « dhimmis » comme les nomme votre Dogme, appellent de leurs voix le Droit de ces Promoteurs Chariamistes de se présenter à des Elections avec les Conséquences terribles qu’on imagine. Vous déclarez que « Pour les Musulmans, le simple fait de caricaturer le Prophète est, en soi, inacceptable et blessant » Blessant, je le conçois, mais inacceptable ?

Ce qui est inacceptable, c’est d’Interdire le Divorce, “y compris en France.”

Ce qui est inacceptable, c’est d’Autoriser la Polygamie, “y compris en France.”

Ce qui est inacceptable, c’est de Considérer que la Femme est inférieure à l’homme, ” y compris en France.”

Ce qui est inacceptable, c’est d’Enfermer les Femmes sous des Linceuls noirs, “y compris en France”

Ce qui est inacceptable, c’est de Refuser à la Femme d’épouser l’homme de son choix, pour lui faire épouser celui que sa famille a choisi pour elle, “y compris en France.”

Ce qui est inacceptable, c’est qu’il existe un «Conseil Européen de la Recherche et de la Fatwa décrétant les Fatwas ayant pour Vocation d’être appliquées en France».

En France, Aucune Loi ne punit le Blasphème, comme l’a d’ailleurs démontré la récente Affaire du Coran brûlé, et qui a vu la relaxe de l’Incendiaire. En conséquence en France, Monsieur Moussaoui, il est permis de brûler un Coran si on le souhaite, et de Caricaturer et de se moquer d’un Prophète, fût-il le vôtre. Les différentes Manifestations Hostiles à cette Publication de Charlie Hebdo n’ont pas manqué de fleurir sur les Forums, certains insultant copieusement les Français, d’autres réclamant à grands Cris des Caricatures de « juifs de 40 », ce qui semble assez loin de votre souhait d’un «désaccord exprimé dans le Respect des Lois et de l’Intégrité des personnes » Vous devriez d’ailleurs rappeler à vos Coreligionnaires si bienveillants et aimants envers les Citoyens qui les accueillent, que la Fête de l’Aïd el-Adha qu’ils vont fêter dans quelques jours est un vibrant Hommage à Abraham, un Juif !

À mon avis, certains doivent ignorer ce Détail au vu du niveau intellectuel remarquablement bas de leurs Commentaires.

Dans votre intertview, une phrase m’interpelle tout particulièrement : «Dans le même temps, ils doivent accepter et comprendre que dans nos Sociétés le Rapport au sacré n’est pas le même pour tous». J’aimerais savoir de quelle Société vous parlez ?

Est-ce la Société Musulmane, Est-ce la Société Française, Est-ce la Société Marocaine ?

Si c’est la Société Marocaine , c’est que vous ne vous sentez pas Français. Si c’est la Société Musulmane , c’est que vous ne vous sentez pas Démocrate et si c’est la Société Française , je vous rappelle qu’elle n’a aucun Rapport au Sacré puisque séparée du Religieux, depuis qu’une célèbre Loi de 1905 en a décidé ainsi, ce que manifestement, malgré votre Récente Naturalisation, vous ne semblez pas avoir encore bien intégré.

D’ailleurs, dans votre Document répertoriant les différents Abattoirs pour l’Aïd, vous illustrez parfaitement la difficulté que vous et vos Coreligionnaires avez à vous considérer comme des Citoyens Français à part entière puisque vous adressez vos voeux aux «Musulmans de France» et non pas aux Musulmans Français.

Je vous invite donc, Vous et vos Coreligionnaires «de France», à vous interroger sur votre Rôle dans notre Société Française, sur votre Capacité à adhérer à nos Valeurs Laïques et Démocratiques, et sur votre Capacité à pratiquer l’Auto-Dérision; car décidément, je vous trouve très coincés du turban.

J’attends avec impatience, votre Rapport sur les Actes Islamophobes que vous avez recensés, et ne manquerai pas de compiler de mon côté, les Actes Francophobes que je me ferai un plaisir de vous transmettre à mon tour. Par ailleurs, en cherchant (vainement) vos Coordonnées, je tombe à l’instant sur un Article du site c.f.c.m.t.v, particulièrement insultant pour les Citoyens Français. Je suis très choquée par les Relents de Xénophobie de cet Article dans lequel il est question de la France qualifiée de «République malade et satanisée», de «protection bienveillante d’un Pouvoir Occulte, «qui trouve toute sa Jouissance dans le Spectacle du malheur d’une Frange indésirée de sa Population», de «la France victime de son arrogance et de son orgueil ».

En tant que Représentant des Musulmans en France, vous seriez bien inspiré de veiller à ce que le Pays qui vous accueille, et qui vous a accepté comme Citoyen, ne soit pas insulté et traîné dans la boue par votre Communauté, car si la Loi sur le Blasphème n’existe pas, la Loi sur la Diffamation existe bel et bien. Je vous prierai donc de faire en sorte, que cet Article injurieux soit rectifié, afin de ne pas créer davantage de tensions.

Veuillez agréer, Monsieur Moussaoui, mes salutations définitivement laïques.

Caroline Alamachère.

Boing MH17

Aereo abbattuto, l'Ucraina accusa:

Boeing 777 Malaysia Airlines abbattuto in Ucraina

Rabbrividisco leggendo l’ennesimo orrore del genere umano contro se stesso.

298 vite spezzate, sparse su più di 20 km^2. Che senso ha tutto questo ?

E ne succedono tutti i giorni, solo che noi ormai allenati, chiudiamo gli occhi, chiudiamo il rubinetto degli orrori, cambiamo canale, spegnami la tele. Tanto è successo lì fuori, tanto non succederà mai a noi. Noi siamo al sicuro…

Niente di più falso. Siamo bestie nelle gabbie dei leoni. Nessuno ci salverà, se non il caso.

Segnalo un’altra interpretazione dell’accaduto, una vera e propria messa in scena machiavellica proposta dal sito Pane e Circo che propone questa analisi:

 

 

Fan delle Donne

playmobil IMG_6809 La domanda che mi sono fatto in questi giorni è la seguente: come siamo messi, con la suddivisione delle cariche in casa, con la nostra dolce metà?

Ci possono essere ragioni che portino ad uno scompenso di questi compiti verso uno o l’altro, in maniera quanto meno giustificata?

Sinceramente credevo che questi discorsi maschilisti fossero ormai superati da circa 2000 anni quando con l’avvento del Cristianesimo, questo dette le stesse possibilità ad entrambi i sessi nei confronti del Dio; invece, alle soglie del 2015, siamo ancora da capo.

È forse giusto che un coniuge si sobbarchi tutto il peso delle faccende domestiche? E quando dico faccende domestiche, intendo: la cura della casa, la cura dei figli, i compiti di questi, le attività sportive di ognuno, ecc…

Questo equilibrio può pendere da una parte o dall’altra ed essere giustificata solo se uno dei due non lavora oppure ha molto tempo libero.

Ma a parità di impegni professionali, inteso come ore lavorare (e non stipendio percepito) deve corrispondere una parità in casa come mansioni eseguite.

Tenuto conto che nessuno è servo di nessuno ma soprattutto che chi si sposa, o convive, lo ha fatto con una persona che reputa alla sua altezza, è giusto e proficuo che ognuno faccia la sua parte.

Questo può avvenire anche in maniera consapevole, ovverosia sfruttando le proprie qualità e lasciando all’altro le mansioni che meno gli si addicono.

Ad esempio per la vestizione delle bambine, io preferisco che se ne occupi mia moglie mentre sistemerò la cucina, dopo colazione, e rifarò i letti.

Partendo dal principio che certi lavori devono essere comunque fatti e ripetuti giornalmente, ha più senso dividersi i compiti, per aver così alla fine, più tempo per sé e quindi anche per l’altro.

Questo sembra ovvio ma non sempre lo è.

Qualcuno infatti considera ancora la donna come una figura di contorno a quella maschile, a quella del marito libero professionista, a quello del giovane rampante.

Niente di più sbagliato. Che errore grossolano. Io sono fan della donna !

Le donne sono molte volte la nostra spina dorsale, la figura pragmatica di una coppia, l’amministratrice dei conti della casa, l’organizzatrice delle vite dei figli, la nostra memoria, la nostra coscienza.

Sempre che abbiate a che fare con donne con la “D” maiuscola, come ho avuto la fortuna di incontrare in questa vita.

In giovane età, sono molto più mature dei loro coetanei maschietti, ottenendo risultati scolastici di tutto rispetto, mentre i loro compagni arrancano per arrivare alla misera sufficienza.

Lo vedi tutti i giorni: ho due figlie piccole e non c’è paragone.

Anche nelle attività sportive non hanno sudditanza nei confronti dei loro colleghi. Saranno meno spericolate e certo più prudenti ma se preparare bene tecnicamente, sono degli ossi duri da battere.

Che esse siano su di una pista da sci, con dei pattini, una racchetta da tennis, una gara di corsa a piedi o in bicicletta, non fidatevi del gonnellino o di un’eventuale frangetta, dietro questi esseri apparentemente innocui possono celarsi delle autentiche belve.

Questo nello sport ma ancor di più nel lavoro.

È vero che poi con il tempo, molte di loro si perdono in futili litigate, diventano superficiali, si fanno abbindolare dalle mode del momento, dal gossip, dalle borse a pozzetto, ecc…

Ma questi tranelli ormai valgono per entrambe i sessi.

Futilità e mancanza di valori sono all’ordine del giorno per molti di noi.

Perciò, se abbiamo avuto la fortuna di incontrare, sul nostro percorso, un Angelo privo di ali, è giusto preservarlo e dividere con esso il lato buono ed il lato cattivo che si presenta ogni giorno.

Ricordandosi che nessuno vale più dell’altro, che siamo semplicemente diversi e possiamo godere di questa vita in maniera giusta ed equilibrata, senza forzature o inutili presunzioni che poi, con il tempo, si riveleranno controproducenti per entrambi.

Se abbiamo incontrato l’Amore e con esso viviamo, viviamolo bene e in armonia con l’altro. Prima che tutto muti in polvere e che sia troppo tardi.

Amen.

Adesso vi lascio. Mi ha appena chiamato mia moglie, minacciandomi: ”vieni di là, che ti calmo subito…” 🙂

Anno nuovo, vita nuova

Capodanno

Finisce questo 2012 pieno di incertezze e comincia un nuovo anno.
Sono molto fiducioso per questo 2013: mi aspettano novità importanti sin dal 3 gennaio.
Prospettive e nuove speranze che ho aspettato per molto tempo ma per vari motivi tardavano ad arrivare.
Ed questi grandi cambiamenti meriteranno grande attenzione e pianificazione rigorosa.
Ma ne varrà sicuramente la pena.
E con l’aiuto dei miei cari, sarà un gioco da ragazzi.
Buon anno allora !

Irresistibilità

 Non ho mai voluto gatti a casa ma dodici anni fa, conoscendo quello che sarebbe stato un ottimo compagno di vita, cambiai idea. All’epoca non sapevo che il micio, chiamatosi poi Moët, aveva fatto un corso di irresistibilità. Ed io non seppi resistergli portandomelo a casa ben felice.

Ieri purtroppo, dopo la vaccinazione annuale fatta ad Agosto e andata male, si è interrotto questa lunga amicizia.

Non ho neanche avuto il tempo di riportarmelo a casa, fra le sue cose, i suoi odori, le sue abitudini. Sono arrivato tardi dal veterinario, mannaggia, di poco ma tardi.

E la mia apparente armatura di uomo adulto e fiero si è sgretolata davanti a quella piccola palla di pelo inanimata, come si sono sgretolati i suoi piccoli globuli rossi col passare di questi giorni. Milioni di globuli rossi che hanno deciso che era tempo di chiudere questa bellissima partita.

Ed io, che ero il suo padroncino, non ho saputo fare nulla per difenderlo ed aggiustare quella che è sempre stata una macchina perfetta a quattro zampe. Per lo più irresistibile.

Ciao Moët, mi mancherai molto.

The 2nd Law: Isolated System

 

Ventennale 173° Corso Valore

AccademiaVent’anni fa entrai a far parte della grande famiglia dell’Accademia Militare di Modena.

Ero giovane, pieno di sogni ed illusioni. Avevo partecipato al bando di concorso quasi per caso, per questa scuola di comandanti (posti disponibili 334 per 4159 domande) e vi ero entrato esclusivamente grazie alle mie buone capacità.

Nessuna spintarella. Nessun favoritismo. Nessun calcio in culo.

Ci rimasi 12 mesi; 12 mesi bellissimi e durissimi, dove incontrai persone favolose e vissi esperienze uniche ed indimenticabili. Grazie ai miei buoni voti ero finito nel girone dantesco delle Armi Scientifiche (Artiglieria, Genio, Trasmissioni) dove era d’obbligo ottenere 5 esami di ingegneria al primo anno, oltre che tutte le materie militari.

Sbagliai un esame (geometria) e persi per sempre quel treno. Dopo quell’anno cambiarono il metodi di valutazione degli allievi.

Ad ogni modo, non so se fu un bene o un male. Professionalmente la carriera militare mi era sempre piaciuta, non come guerrafondaio, quanto più come fantomatico Don Chisciotte. In casa mia nessuno aveva avuto un’esperienza militare, neanche come servizio di leva e mai mi sarei aspettato di vivere quello che poi ho vissuto.

Vent’anni dopo, anno 2012, ricorre il primo ventennale di quei giorni.

Un’occasione per rivedere vecchi amici, ormai Alti Ufficiali, vecchi Comandanti, ormai Colonnelli o Generali, e per provare sulla propria pelle emozioni fortissime.

Veri e propri colpi d’artiglieria pesante nel cuore e nella testa.

Perché non affiorano solo tutti i ricordi ed i rimpianti ma, mischiati a persone che sembrava non avessi mai lasciato, all’amicizia e allo spirito di gruppo ancora integri, emergono mille domande e perplessità.

Ed in concomitanza con i miei primi 40 anni, appena festeggiati, i bilanci sono d’obbligo.

Di una cosa sono certo: se non fossi sceso allora da quel treno, oggi probabilmente sarei sposato con un’altra donna o forse non lo sarei affatto. Avrei vissuto in posti incredibili, esperienze inusuali che professionalmente sarebbero state molto gratificanti.

Ma per dividerle poi, con chi ?

Se il prezzo di tutta questa grande ferita (che mi porterò per sempre dentro) è la persona che mi sta accanto e la mia famiglia, lo ripagherei ogni giorno. Senza dubbio alcuno.

Senza dubbio alcuno.

All Hallows Even

Notte di Halloween variante scozzese di all Hallows Even per dire notte prima di Ogni Santi.

A dire il vero, nasce come rito pagano celtico, nelle isole britanniche, il Samhain, cioè la fine dell’estate e vero e proprio Capodanno Celtico.

Per i Druidi questo era il giorno che segnava il passaggio dall’estate all’inverno, dove il Principe delle Tenebre avrebbe umiliato il Dio Sole. Per proteggersi dal male ed ammaliassi il Principe era usanza, per i Druidi, mascherarsi  con pelli di animali uccisi muniti di lanterne ricavate da rape vuote ed intagliate.

Quelle che noi conosciamo come zucche illuminata di Halloween o Jack O’Lantern.

Inoltre, popolo Irlandese credeva che quella notte i morti tornassero a casa. Ed infatti lasciavano per loro: porta aperta, fuoco acceso e tavola imbandita. I ragazzi si mascheravano per impersonare gli spiriti dei morti mentre le richieste “dolcetto o schersetto” rappresentavano le offerte ai defunti.

Qualche anno prima infatti, i Druidi portavano i carboni ardenti nelle varie case, carbone proveniente da un fuoco nuovo, domandando “maledizione o sacrificio ?”. Chi non voleva essere maledetto, doveva offrire qualcosa in sacrificio…

Per il mondo esoterico questa festa è una delle 4 principali feste del satanismo in antitesi con la festività di Ognissanti Cristiana.

O forse, più semplicemente, un artificio per un’altra festività commerciale inculcata dagli USA.

Una cosa è certa: l’inverno è alle porte. Mettetevi il cappotto.

Tutto il resto è secondario

Ricordarsi che morirò presto è il più importante strumento che io abbia mai incontrato per fare le grandi scelte della vita.

Perché quasi tutte le cose – tutte le aspettative di eternità, tutto l’orgoglio, tutti i timori di essere imbarazzati o di fallire – semplicemente svaniscono di fronte all’idea della morte, lasciando solo quello che c’è di realmente importante.

Ricordarsi che dobbiamo morire è il modo migliore che io conosca per evitare di cadere nella trappola di chi pensa che avete qualcosa da perdere. Siete già nudi.

Non c’è ragione per non seguire il vostro cuore.

Steve Jobs 1955-2011

Leggi anche una variante Partenopea sul tema: Se Steve fosse nato in provincia di Napoli di Antonio Menna oppure l’ottimo approfondimento di questa figura visionaria, fatta da Vittorio Zambardino.

Ci bloccano Wikipedia

In queste ore Wikipedia in lingua italiana rischia di non poter più continuare a fornire quel servizio che nel corso degli anni ti è stato utile e che adesso, come al solito, stavi cercando. La pagina che volevi leggere esiste ed è solo nascosta, ma c’è il rischio che fra poco si sia costretti a cancellarla davvero.

Il Disegno di legge – Norme in materia di intercettazioni telefoniche etc., p. 24, alla lettera a) del comma 29 recita:

«Per i siti informatici, ivi compresi i giornali quotidiani e periodici diffusi per via telematica, le dichiarazioni o le rettifiche sono pubblicate, entro quarantotto ore dalla richiesta, con le stesse caratteristiche grafiche, la stessa metodologia di accesso al sito e la stessa visibilità della notizia cui si riferiscono.»

Negli ultimi 10 anni, Wikipedia è entrata a far parte delle abitudini di milioni di utenti della Rete in cerca di un sapere neutrale, gratuito e soprattutto libero. Una nuova e immensa enciclopedia multilingue e gratuita.

Oggi, purtroppo, i pilastri di questo progetto — neutralità, libertà e verificabilità dei suoi contenuti — rischiano di essere fortemente compromessi dal comma 29 del cosiddetto DDL intercettazioni.

Tale proposta di riforma legislativa, che il Parlamento italiano sta discutendo in questi giorni, prevede, tra le altre cose, anche l’obbligo per tutti i siti web di pubblicare, entro 48 ore dalla richiesta e senza alcun commento, una rettifica su qualsiasi contenuto che il richiedente giudichi lesivo della propria immagine.

Purtroppo, la valutazione della “lesività” di detti contenuti non viene rimessa a un Giudice terzo e imparziale, ma unicamente all’opinione del soggetto che si presume danneggiato.

Quindi, in base al comma 29, chiunque si sentirà offeso da un contenuto presente su un blog, su una testata giornalistica on-line e, molto probabilmente, anche qui su Wikipedia, potrà arrogarsi il diritto — indipendentemente dalla veridicità delle informazioni ritenute offensive — di chiedere l’introduzione di una “rettifica”, volta a contraddire e smentire detti contenuti, anche a dispetto delle fonti presenti.

In questi anni, gli utenti di Wikipedia (ricordiamo ancora una volta che Wikipedia non ha una redazione) sono sempre stati disponibili a discutere e nel caso a correggere, ove verificato in base a fonti terze, ogni contenuto ritenuto lesivo del buon nome di chicchessia; tutto ciò senza che venissero mai meno le prerogative di neutralità e indipendenza del Progetto. Nei rarissimi casi in cui non è stato possibile trovare una soluzione, l’intera pagina è stata rimossa.

Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo
Articolo 27

«Ogni individuo ha diritto di prendere parte liberamente alla vita culturale della comunità, di godere delle arti e di partecipare al progresso scientifico e ai suoi benefici.

Ogni individuo ha diritto alla protezione degli interessi morali e materiali derivanti da ogni produzione scientifica, letteraria e artistica di cui egli sia autore.»

L’obbligo di pubblicare fra i nostri contenuti le smentite previste dal comma 29, senza poter addirittura entrare nel merito delle stesse e a prescindere da qualsiasi verifica, costituisce per Wikipedia una inaccettabile limitazione della propria libertà e indipendenza: tale limitazione snatura i principi alla base dell’Enciclopedia libera e ne paralizza la modalità orizzontale di accesso e contributo, ponendo di fatto fine alla sua esistenza come l’abbiamo conosciuta fino a oggi.

Sia ben chiaro: nessuno di noi vuole mettere in discussione le tutele poste a salvaguardia della reputazione, dell’onore e dell’immagine di ognuno. Si ricorda, tuttavia, che ogni cittadino italiano è già tutelato in tal senso dall’articolo 595 del codice penale, che punisce il reato di diffamazione.

Con questo comunicato, vogliamo mettere in guardia i lettori dai rischi che discendono dal lasciare all’arbitrio dei singoli la tutela della propria immagine e del proprio decoro invadendo la sfera di legittimi interessi altrui. In tali condizioni, gli utenti della Rete sarebbero indotti a smettere di occuparsi di determinati argomenti o personaggi, anche solo per “non avere problemi”.

Vogliamo poter continuare a mantenere un’enciclopedia libera e aperta a tutti. La nostra voce è anche la tua voce: Wikipedia è già neutrale, perché neutralizzarla?

Gli utenti di Wikipedia

Omicidiostradale.it

Abbiamo bisogno del tuo aiuto per una società più giusta dove chi uccide, mettendosi alla guida senza esserne in condizioni (essendo drogato e/o in stato di ebrezza), riceva una condanna adeguata al danno (morte o lesioni gravi) che ha provocato con il suo comportamento irresponsabile.

Se rubi 100 € dalla borsa di una signora e sei catturato da un agente di polizia entri in carcere immediatamente e sei processato subito. Lo stesso ti accade se rubi una bicicletta (processo per direttissima e condanna a 1 anno e 6 mesi).

Se invece uccidi un ragazzo di 17 anni, invadendo la sua corsia e investendolo in pieno perché ti sei messo alla guida positivo alla cannabis e con un tasso alcolemico che supera di 3 volte il limite di legge (significa aver bevuto 15 birre o 2 bottiglie di vino), non solo non vieni arrestato subito, ma in carcere non ci andrai mai.

Una pena “equa” per il danno provocato e “certa” rappresenta un atto di “prevenzione”. Serve da deterrente e rende un minimo di giustizia a chi ha perso la vita per il comportamento criminale di un guidatore che si è messo alla guida non essendo in condizione di farlo. Leggi le statistiche.

La legge che proponiamo ci aiuterà a salvare vite umane nelle nostre strade e a rendere giustizia a chi sarà colpito ingiustamente.

Visita il sito per saperne di più, leggi la proposta di legge e aderisci alla nostra iniziativa. Diventa un cittadino attivo che richiede a chi ci governa una società più sicura e civile.

Al raggiungimento di 60.000 adesioni consegneremo tutti i nomi stampati insieme alla proposta di legge alle Commissioni Trasporti e Giustizia sia della Camera che del Senato.

Fonte Omicidiostradale.it

Io l’ho firmata, ci vogliono 2 minuti. Ed ora siamo più di 1000.